HABITAT – Pareti insonorizzanti

ita

HABITAT

Pannello autoportante fonoisolante accopppiato a lastra in cartongesso, per la realizzazione di contropareti acustiche.

Habitat I è composto da fiocchi di poliuretano espanso agglomerati tramite resine poliuretaniche di prima scelta o fibra di poliestere, preaccoppiata a lastra in cartongesso.

Habitat II è composto da gomma caricata da 4 kg e poliuretano espanso o fibra di poliestere, preaccoppiate a lastre in cartongesso.

APPLICAZIONI

Ottima soluzione per l’inserimento in doppie pareti, per ristrutturazioni e bonifiche acustiche di locali attigui e per realizzare un controplaccaggio su pareti già esistenti.
Habitat I/II funzionano come masse fonoimpedenti e fonoassorbenti, garantendo anche un eccellente isolamento termico. Il grande formato riduce la probabilità di ponti acustici e abbrevia i tempi di posa.

Viene utilizzato in controplaccaggio per aumentare l’isolamento acustico di pareti già esistenti, pareti in cartongesso con funzione acustica, per realizzare controsoffitti acustici, isolare i pilastri, vani scale e ascensori.

Controplaccaggio

Il pannello è posizionato in aderenza alla parete con collante monospalmatura a base d’acqua da noi fornito, malta cementizia o tasselli. Accostare i pannelli preaccoppiati avendo cura di sigillare accuratamente il tutto. Rasare ripetere l’operazione. Applicare in modo sfalsato il secondo pannello Habitat II; ripetere l’operazione di sigillatura, rasatura e verniciatura.

  • Attenzione: quando si montano e accostano i vari pannelli bisogna fare una sigillatura con del silicone trasparente o bianco. Questa sigillatura andrà fatta anche in prossimità sia della base, dell’altezza e degli angoli della parete. Vale anche per soffitto.

Isolamento acustico di pareti e soffitti.

Le pareti divisorie tra locali adiacenti, devono offrire un buon grado di isolamento acustico, impedendo al rumore, di passare da un locale all’altro. Se ciò non avviene vuol dire che la massa, composta dalla parete è troppo leggera e non riesce a garantire l’isolamento acustico, previsto dalla Legge nelle costruzioni residenziali (50 db). DPCM5/12/97.

Una parete singola in mattoni forati da 8 cm ha un isolamento RW di solo 42/43 dB.

Bisogna tenere conto che le pareti subiscono un ulteriore abbassamento dell’isolamento acustico quando questa viene forata per il passaggio di impianti, scarichi o scatole degli interruttori, oppure è costruita non a regola d’arte. Tutto questo si traduce in un mancato isolamento del divisorio, con le conseguenti lamentele di vicinato, voci, televisori, musica e altro….

Per ovviare a problematiche di questo tipo, si utilizza un sistema denominato Parete del silenzio in cui si sfrutta il principio di Massa – Molla – Massa. Dove la massa (parete) funge da fonoimpedente, mentre il sistema elastico (molla), smorza le vibrazioni, sottraendo energia alla sorgente sonora (suono disturbante).

I nostri pannelli infatti applicati in aderenza o in controplaccaggio alla parete (massa) hanno una parte fonoasorbente (molla), applicata ad una massa (cartongesso), e forniscono un elevato potere fonoisolante duraturo nel tempo.

I dati di laboratorio confermano che una parete in mattoni forati, da 8 cm, da 40 dB di RW può passare a RW 57 con la doppia pannellatura di Habitat I e Habitat II applicata in aderenza.

Il sistema, funziona anche con i rumori impattivi, trasmessi per via solida dalla costruzione (pavimento). Ovviamente la sequenza applicativa non può essere come per la parete, ma similare, utilizzando i sostegni previsti per il montaggio delle lastre in cartongesso.

L’abbassamento medio della controsoffittatura completa è tra 15/20 cm.

Il risultato acustico è il contenimento del rumore impattivo prodotto sul pavimento dell’appartamento sovrastante.
Come evidenziato dallo schema il rumore generato per via solida, attraversa anche le pareti laterali e i pilastri di sostegno. Quindi sarebbe buona norma, quando si procede al lavoro di isolamento del soffitto, prevedere anche l’isolamento delle pareti di confine.

eng

HABITAT

Freestanding soundproofing panel coupled to plasterboard plate, for the realization of acoustic counter walls.

Habitat I is composed of expanded polyurethane foam flakes agglomerated using choice polyurethane resins or polyester fiber, pre-coupled to plasterboard.

Habitat II consists of 4 kg of loaded rubber and expanded polyurethane foam or polyester fiber, pre-coupled to plasterboard.

APPLICATIONS

Excellent solution for insertion in double walls, for renovations and acoustic reclamation of adjacent rooms and to achieve counter plating on existing walls.
Habitat I / II function as soundproofing and sound absorbing masses, also guaranteeing excellent thermal insulation. The large sizes reduce the likelihood of acoustic bridges and shorten installation time.

Used in counter plating to increase the sound insulation of existing walls, plaster walls with acoustic function, to achieve acoustic suspended ceilings, to insulate pillars, stairwells and elevators.

Counter plating

The panel is placed in adherence to the wall with a single-coat water-based glue we supply, cement mortar or dowels. Align the pre-coupled panels taking care to thoroughly seal everything. Trim repeat the operation. Apply the second Habitat II panel in a staggered manner, repeat the sealing, trimming and painting.
• Caution: When assembling and aligning the various panels a seal must be made with transparent or white silicone. This sealing will also be done in close proximity to the base, the height and the corners of the wall. This also applies to the ceiling.

Sound insulation of walls and ceilings.

The partitions between adjacent rooms should offer a good degree of acoustic insulation, preventing noise from going from one room to another. If they do not, then the mass that makes up the wall is too light and unable to guarantee sound insulation, as foreseen by the law in residential construction (50 db). DPCM5/12/97.

A single wall in perforated 8 cm brick has an insulation RW of only 42/43 dB.

The fact that walls undergo a further reduction in sound insulation, when perforated for drains or switch boxes or not constructed properly, must be taken into account. This results in an isolation failure, and consequent neighbourhood complaints, voices, television sounds, music and more…

To solve problems of this type, a system called wall of silence is used, in which the principle of mass – spring – mass is applied. Where the mass (wall) acts as insulation, while the flexible system (spring), dampens vibrations by subtracting energy from the sound source (the disturbing sound).

In fact our panels applied in adherence or as counter plating to the wall (mass), have sound-absorbing part (spring) applied to a mass (plasterboard), and provide a high and durable sound insulation.

Laboratory data confirm that an 8 cm, 40 dB RW brick wall can switch to 57 RW with the Habitat I and Habitat II double panelling applied in adherence.

The system also works with impact noise, structure-borne via the building (floor). Obviously, the application sequence cannot be the same as for walls, but similar, using the supports provided for mounting plasterboard sheets.

The average lowering of the entire ceiling is between 15/20 cm.

The acoustic result is a reduction of the impact noise produced on the floor of the apartment above.
As shown in the diagram, structure-borne noise also crosses into side walls and support pillars. So it is good practice, when proceeding with ceiling insulation, to also insulate the surrounding walls.

—–